Servizio Civile: il Ministero per la Cooperazione internazionale e l’integrazione stanzia 50 milioni

Apprendiamo con gioia da CSVnet la notizia del reperimento delle risorse finanziarie da destinare al Servizio Civile Nazionale. 

“I fondi che saranno messi a disposizione per il biennio 2013/2014 permetteranno ad oltre 18 mila giovani di dedicare un anno ad un‘attività di volontariato da cui potranno trarre insegnamenti fondamentali per la propria vita“- si legge nella lettera ufficiale inviata al Ministro della Cooperazione internazionale e dell’integrazione, Andrea  Riccardi.

“Ugualmente siamo lieti di apprendere come l’impegno del Ministro per la stabilizzazione del Servizio Civile nel prossimo futuro non sia ancora terminato ma prosegue con la richiesta al Ministero dell’Economia e delle Finanze di integrare la dotazione del Fondo nazionale fino a 120 milioni di euro per ciascun anno del triennio 2013/2015″. 

Quella del Servizio Civile è una scelta in cui CSVnet crede fermamente. Questa esperienza rappresenta un’altissima opportunità di formazione alla solidarietà e alla cittadinanza attiva che il nostro Paese rivolge alle giovani generazioni. 

Stefano Tabò, presidente di CSVnet, ha espresso pertanto, a nome di tutta la rete dei Centri di Servizio per il Volontariato “vivo compiacimento  per la copertura di bilancio ottenuta e per la scelta che ne ha determinato tale disponibilità  –  auspicando infine “che l’esperienza del Servizio Civile nel nostro Paese sia fortemente indirizzata alle organizzazioni del volontariato e di tutto il Terzo Settore, che rappresentano, a nostro giudizio, il naturale perimetro di riferimento operativo e valoriale.”

Servizio Civile Nazionale (video)

 

Fonte: www.csvnet.it



  1. Chi può presentare domanda di partecipazione al Servizio Civile Nazionale?
    Possono partecipare alla selezione tutti i giovani, senza distinzione di sesso, che alla data di presentazione della domanda siano in possesso dei seguenti requisiti:
    – abbiano compiuto il diciottesimo e non superato il ventottesimo anno d’età (28 anni e 364 giorni)
    – siano in possesso della cittadinanza italiana
    – godano dei diritti civili e politici
    – non siano stati condannati con sentenza di primo grado per delitti non colposi commessi mediante violenza contro persone o per delitti riguardanti l’appartenenza a gruppi eversivi o di criminalità organizzata
    – siano in possesso di idoneità fisica, certificata dagli organi del Servizio Sanitario Nazionale (ASL competente o medico di famiglia) con riferimento allo specifico settore d’impiego per cui intendono concorrere. L’idoneità fisica dovrà essere documentata dopo le selezioni, soltanto dai giovani risultati idonei selezionati.
    Potranno essere richiesti, da parte degli Enti, ulteriori specifici requisiti connessi all’attuazione dei singoli progetti.
  • Per quanto tempo devono essere posseduti questi requisiti?
    I requisiti di partecipazione devono essere posseduti alla data di presentazione delle domande e mantenuti sino al termine del servizio, ad eccezione dei limiti di età.

  • Quali sono i termini per la presentazione della domanda di partecipazione?
    La domanda di partecipazione al progetto prescelto può essere presentata solo dopo la pubblicazione del relativo bando di selezione sulla Gazzetta Ufficiale e nei termini previsti dal bando stesso.
    Le istanze pervenute oltre i termini stabiliti nei bandi non sono prese in considerazione.
    La tempestività della presentazione delle domande è accertata dagli Enti che realizzano i progetti.

  • A chi va indirizzata la domanda?
    La domanda deve essere presentata all’Ente che realizza il progetto prescelto, il cui indirizzo è reperibile sul sito internet dell’Ente stesso, indicato nell’allegato 1 al bando.

  • Come deve essere compilata la domanda di partecipazione?
    La domanda di partecipazione deve essere:
    – redatta in carta semplice, secondo il modello “allegato 2” al bando, scaricabile dal sito nella sezione modulistica
    – firmata per esteso dal richiedente
    – corredata di: fotocopia (che non deve essere autenticata) di un valido documento d’identità personale, scheda “allegato 3” al bando contenente i dati relativi ai titoli, curriculum vitae, copie dei titoli in possesso e di ogni altra documentazione significativa.

  • Quale documentazione bisogna allegare alla domanda di partecipazione?
    Vanno allegati alla domanda:
    – fotocopia di un valido documento di identità personale
    – scheda (allegato 3), contenente i dati relativi ai titoli posseduti dal candidato
    – curriculum vitae, copie dei titoli in possesso e ogni altra documentazione significativa
    Dopo il colloquio di selezione i candidati utilmente collocati nelle graduatorie dovranno presentare anche un certificato medico di idoneità fisica allo svolgimento del Servizio civile nazionale, con riferimento allo specifico settore d’impiego prescelto, rilasciato dagli organi del Servizio Sanitario Nazionale (ASL competente o medico di famiglia).

  • ESCLUSIONI
    Non possono presentare domanda di partecipazione :
    – gli appartenenti ai corpi militari e alle forze di Polizia
    – i cittadini condannati con sentenza di primo grado per delitti non colposi commessi mediante violenza contro persone o per delitti riguardanti l’appartenenza a gruppi eversivi o di criminalità organizzata
    – i giovani che già prestano o abbiano prestato servizio in qualità di volontari ai sensi della Legge 6 marzo 2001, n. 64
    – i giovani che abbiano interrotto il servizio civile prima della scadenza
    -i giovani che abbiano in corso con l’Ente che realizza il progetto rapporti di lavoro o di collaborazione retribuita a qualunque titolo, ovvero che abbiano avuto tali rapporti, nell’anno precedente, di durata superiore a 3 mesi
    – i giovani che non hanno compiuto 18 anni o superato i 28 anni
    – i giovani che non sono in possesso della idoneità fisica relativa al settore di impiego per cui intendono concorrere.

  • Quante domande di partecipazione si possono presentare?
    E’ possibile presentare una sola domanda di partecipazione per un unico progetto di Servizio Civile Nazionale da scegliere tra i progetti inseriti nel bando nazionale o tra quelli inseriti nei bandi regionali e delle Provincie autonome o comunque tra tutti quelli contenuti nei bandi di SCN contestualmente pubblicati, pena l’esclusione dalla partecipazione a tutti i progetti.

  • Un candidato, in attesa di conoscere la graduatoria definitiva relativa al progetto per il quale ha presentato domanda, può, nel frattempo, presentare domanda per un progetto inserito in un bando successivo?
    Si, ma se è selezionato per 2 progetti inseriti in bandi diversi, non potrà optare per l’altro progetto se ha già assunto servizio.

7 Comments

  1. alessia delmonte Rispondi
  2. monica Rispondi
  3. Maurizio Rispondi
  4. Ilaria Rispondi
  5. sara Rispondi

Rispondi