“Dopo di noi”: quale futuro per le persone disabili?

Venerdì 7 dicembre se ne discuterà a Firenze in un convegno promosso da Cesvot.
Il convegno sarà anche l’occasione per presentare il primo Coordinamento toscano
per il durante e dopo di noi e la ricerca sulle buone prassi in Toscana
condotta dalla Scuola S. Anna di Pisa

Firenze, 5 dicembre 2012. In Italia, secondo il Cnel, l’87% delle persone disabili tra 6 e 24 anni vive in famiglia, quasi il 45% ha un disabilità grave o è affetto da multidisabilità. In Toscana le persone con disabilità sono oltre 82 mila, di cui 25.648 in carico ai servizi territoriali(Ars Toscana). Quelle con disabilità motoria sono circa 36 mila, con disabilità psico-sensoriali quasi 16 mila.
Il numero più consistente in provincia di Firenze, quasi 14 mila; seguono Lucca (12.647), Pisa (10.563), Arezzo (9.822), Livorno (8.716), Massa (6.539), Pistoia(5.796), Prato (5.161), Siena (4.977) e Grosseto (4.310).

Secondo questi dati nei prossimi anni aumenterà drasticamente il numero delle persone disabili ‘a rischio’ di restare, alla morte dei familiari, senza supporto. Da tempo, infatti, familiari e associazioni denunciano con preoccupazione la questione del cosiddetto ‘durante e dopo di noi’, chiedendo politiche e servizi che garantiscano alle persone con disabilità un futuro sereno e dignitoso senza che la responsabilità di quel futuro ricada tutta sulle spalle delle famiglie.

Il volontariato in questi anni ha attivato progetti e interventi innovativi nell’ambito del ‘durante e dopo di noi’ ed è proprio per sostenere le associazioni toscane che operano in questo settore che Cesvot ha avviato nel 2011 un percorso di conoscenza e scambio di buone prassi. Da quel percorso è nato il primo Coordinamento toscano per il durante e dopo di noi, le cui finalità e attività saranno presentate a Firenze venerdì 7 dicembre nel convegno “Durante e dopo di noi. Lavori in corso” (Auditorium Al Duomo, ore 9.30-13-30). Al convegno parteciperanno, tra gli altri, la portavoce del Coordinamento Patrizia FrilliGiovanni Pasqualetti della Regione Toscana, Elena Vivaldi e Francesca Biondi Dal Monte della Scuola S. Anna di Pisa curatrici del volume, pubblicato da Cesvot, “Disabilità e dopo di noi. Strumenti ed esperienze” (I Quaderni, n. 61, pp. 392, testo disponibile anche online su www.cesvot.it).

Nel volume “Disabilità e dopo di noi” sono pubblicati i risultati della ricognizione che la Scuola S. Anna di Pisa ha svolto, per conto di Cesvot, sul volontariato e il terzo settore toscano impegnato nell’ambito del ‘durante e dopo di noi’, con attenzione anche alle 5 fondazioni di partecipazione attive in Toscana. Le fondazioni rappresentano, infatti, lo strumento che la Regione Toscana ha individuato nel 2007 come uno dei più adeguati a realizzare interventi sul ‘dopo di noi’.
Nel volume sono inoltre pubblicate approfondite analisi delle normative, delle politiche regionali e nazionali a sostegno delle persone disabili, e la Piattaforma programmatica del Coordinamento toscano per il durante e dopo di noi, a cui ad oggi hanno aderito 37 organizzazioni provenienti da tutta la Toscana.

Questi i punti salienti della Piattaforma, una sorta di memorandum di obiettivi e attività condiviso dalle 37 organizzazioni aderenti al Coordinamento: favorire l’efficacia e l’omogeneità dei servizi a sostegno delle persone disabili e delle loro famiglie; promuovere una maggiore partecipazione delle associazioni alla programmazione e all’erogazione dei servizi pubblici; creare procedure di accreditamento delle strutture e dei servizi attivi nell’ambito del ‘durante e dopo di noi’; incrementare e migliorare i percorsi di inserimento scolastico e lavorativo dei soggetti disabili; sostenere i servizi del ‘durante e dopo di noi’ anche con la diffusione di buone prassi e l’integrazione tra pubblico e privato.

Cristiana Guccinelli
Responsabile Settore Comunicazione, Promozione e Ufficio stampa
cell. 329 3709406

Rispondi