Donazioni: aumenta la detraibilità dal 2013

Dal 2013 aumenta dal 19% al 24%, sempre nel rispetto del limite annuo previgente di 2.065 Euro, la quota detraibile per le donazioni effettuate dalle persone fisiche alle ONLUS. Dopo la temuta “stretta” sulla detraibilità che avrebbe disincentivato le donazioni, la L. 96/2012 favorisce infine le elargizioni agli enti senza scopo di lucro.

Come è noto, il Testo Unico delle imposte sui redditi (TUIR), artt. 15 e 100, consente alle persone fisiche che effettuano delle erogazioni in favore di ONLUS la possibilità di detrarre dall’imposta lorda una quota della somma donata con dei limiti massimi annui. Con la L. 96/2012, il Legislatore, che con la medesima norma ha incaricato il Governo di emanare un Testo Unico che armonizzi la normativa riassumendo tutte le disposizioni sulle detrazioni fiscali in tema di donazioni, ha innalzato tale quota dall’originario 19% al 24%, equiparandola a quella prevista per le donazioni ai partiti politici, e prevedendo un ulteriore innalzamento al 26% nel 2014.

Le donazioni coinvolte dalla novità di cui all’art.15 della L.96/2012 sono quelle effettuate nei confronti di ONLUS e di iniziative umanitarie, religiose o laiche, gestite da fondazioni, associazioni, comitati ed enti individuati con Dpcm, e sono applicabili per le donazioni dal 1 gennaio 2013.

Tale normativa non ha modificato il limite massimo di somma detraibile all’anno (pari a 2.065 Euro), mentre per le donazioni ai partiti politici il limite massimo annuo è stato diminuito. In ogni caso, vigono le regole formali pre-esistenti per applicare l’agevolazione: la donazione dovrà avvenire sempre tramite intermediario (banca, posta…) e comunque con mezzi di pagamento tracciabili.

Fonte: www.csv.verona.it

Lascia un commento