Costruiamo insieme la relazione con il donatore: l’importanza dell’email di benvenuto

Ogni organizzazione ha la possibilità di aggiornare i propri sostenitori attraverso l’invio periodico della newsletter on-line.

È uno strumento importante di comunicazione al quale possono accedere anche le più piccole organizzazioni grazie a piattaforme gratuite (per esempio – MailChimp www.passionenonprofit.it/inviare-email-a-costo-zero-per-le-piccole-organizzazioni-non-profit-con-mailchimp) che permettono di creare liste di 2.000 iscritti e 12000 invii mensili.

Chi decide di visitare il vostro sito web, ed è stato incuriosito abbastanza da volersi iscrivere alla Newsletter è un potenziale sostenitore. E’ un’opportunità che non bisogna lasciarsi sfuggire.

Il primo passo per umanizzare la relazione è inviare loro una calorosa e-mail di benvenuto.

Ecco un esempio.

Cara Alessandra! Ringraziandoti di cuore per aver scelto di seguirci ti diamo il benvenuto nella nostra Community! In futuro, riceverai periodicamente le nostre comunicazioni per essere sempre aggiornata sulle attività dell’organizzazione.
I tuoi dati personali in nostro possesso non saranno ceduti per nessun motivo a terzi.
In qualsiasi momento, potrai selezionare il link in fondo a ogni e-mail per annullare l’iscrizione alla newsletter.

Soprattutto per le piccole organizzazioni, tutte queste occasioni devono trasformarsi in reali opportunità per costruire relazioni durature con i potenziali donatori.
Se fino ad oggi vi siete affidati al modello standard suggerito dal fornitore dei servizi di posta elettronica vi consiglio di ripensarlo e trovare la forma comunicativa che più vi rappresenti.

Secondo la Guida del Rebel di email marketing per Jason Falls:
La risposta è semplice: la mail di benvenuto tende ad avere un tasso molto più alto di apertura rispetto ad altre e-mail di una campagna. In realtà, secondo alcune analisi fatta dal CheetahMail Strategic Services Group Experian, le e-mail di benvenuto generano 4 volte i tassi di apertura totale e 5 volte i tassi di click rispetto ad altre email promozionali”.

Se si considera che il tasso di apertura media delle e-mail in generale è intorno al 20 %, questa percetuale è abbastanza impressionante.

Un’e-mail di benvenuto pone le basi – il tono – per il resto dei messaggi di posta elettronica che deciderete di inviare.

Non siate timidi!Non inviare una e-mail di benvenuto equivale a non ringraziare qualcuno per un regalo.

Il vostro potenziale sostenitore vi ha appena invitato nella sua personale “Posta in arrivo”.
E’ un’opportunità da non perdere! Accoglietelo con un caloroso e cordiale benvenuto. E fatelo in modo coinvolgente.

Rispondi