La Campagna #INMYPLACE: Prendi il mio posto?

In occasione della Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità, che si è tenuta il 3 Dicembre 2015, FISH – Federazione Italiana per il superamento dell’Handicap – ha lanciato la campagna #INMYPLACE: una campagna per connotare la celebrazione in modo diverso, in modo che impatti più direttamente sugli atteggiamenti, spesso inconsapevoli ma sempre determinanti, delle persone comuni verso la disabilità.

La campagna lancia un messaggio chiaro e di forte impatto: Prendi il mio posto!

Chi sarebbe, in fondo, disposto a prendere il posto di un disabile, se non fosse per quello auto?

Campagna Prendi il mio postoNelle storie raccolte e pubblicate sul sito www.inmyplace.it si parla delle difficoltà  che le persone con disabilità e i loro familiari si trovano ad affrontare e a vivere tutti i giorni.

Questa campagna invita ad “adottare” una storia, prendendo il posto del suo protagonista e contribuendo a farla conoscere condividendola sui social, per creare così maggiore sensibilizzazione e consapevolezza su tale tematica.

Dice Cinzia, una ragazza di 18 anni: “Per me non ci sarà il ricordo della gita scolastica del liceo. A me è e resterà preclusa.” Ogni anno incontra una difficoltà che la costringe a rinunciare alla gita scolastica: il pullman, l’albergo, l’assistenza. E Benito di Roma: “I bus non sono a misura di tutti. Se sei disabile muoversi in città è quasi impossibile.

Leggendo queste storie si può capire come molte barriere siano legate anche all’ignoranza, alla paura, ai pregiudizi e all’indifferenza, che portano all’esclusione e alla discriminazione. Inoltre in Italia le barriere fisiche e architettoniche, che le persone disabili devono affrontare per svolgere attività di vita quotidiana, sono più alte rispetto alla media dei paesi europei.

L’obiettivo della campagna, e più in generale della Federazione Italiana per il superamento dell’Handicap, è accrescere l’inclusione sociale e garantire la piena partecipazione delle persone con disabilità nelle scelte che investono direttamente le loro vite.

Noi sosteniamo #INMYLPACE, e voi?

Rispondi