10 Step per un CV efficace nel mondo Non Profit

cv-tipsTrovare lavoro nel mondo Non Profit può sembrare un’impresa difficile ma avere un CV efficace ci semplificherà di certo la ricerca dell’occupazione desiderata. Ecco alcuni consigli utili per scrivere un Curriculum in modo sintetico ed efficace.

Da premettere innanzitutto che questo pezzo di carta rappresenta molto di più di quello che solitamente pensiamo. Il primo e fondamentale step per la ricerca di un lavoro, la speranza di essere chiamati per un colloquio. Per questo esso deve rispondere necessariamente alla domanda “perché l’Organizzazione X dovrebbe investire il suo tempo e il suo denaro su di me?“.

Per attirare l’attenzione sul vostro Cv la parola chiave è differenziazione. Come uscire dalla massa di CV che arrivano numerosi ogni giorno nelle caselle di posta elettronica o sulle scrivanie di selezionatori e responsabili delle Risorse Umane?

Questo articolo cercherà di dare una risposta a questa domanda e spero degli utili spunti per procedere nella ricerca di un nuovo lavoro nel mondo Non Profit.

Premessa importante: il CV non è per noi, ma per chi lo legge. Cercare il più possibile di far combaciare il vostro Cv con la posizione per cui vi candidate, naturalmente senza forzare o manipolare nulla, bensì mettendo in evidenza di volta in volta le competenze richieste da voi possedute.

Prima di iniziare ritengo essenziale:

  • facilitare la lettura usando un formato standard (es. Times New Roman) e dei grassetti strategici per evidenziare le date, il vostro ruolo aziendale e i nomi delle società per le quali avete lavorato;
  • rispettare l’ordine cronologico dei contenuti professionali e dei percorsi di formazione;
  • non tralasciare attività aggiuntive quali esperienze di volontariato, percorsi formativi all’estero e attività sportive: tutto parla di noi ( es. avere svolto uno sport di squadra per diversi anni viene spesso considerato come capacità dell’individuo di collaborare all’interno di un team ).

STEP BY STEP

  1. Nominate il vostro CV con nome e cognome, Esempio corretto: CV_Luca_Bianchi (che poi diventerà CV_Luca_Bianchi.pdf)
  2. Scrivete il CV con chiarezza e precisione, selezionando le informazioni che vi sembrano più rilevanti per il vostro destinatario.
  3. Utilizzate i formati standard, già pronti , senza dimenticarsi di allegare una foto possibilmente professionale e in abbigliamento adeguato al contesto.
  4. Il vostro Cv deve far risaltare i punti di forza, quindi metteteli in evidenza.
  5. Cercate di inserire le informazioni in ordine di importanza. Spesso chi fa lo screening dei curricula ha molti candidati da valutare, quindi un tempo oggettivo ristretto.
  6. Dopo i dati anagrafici, devono inserirsi le esperienze lavorative, in ordine cronologico inverso, dalla più recente alla più distante nel tempo. L’ ultima esperienza lavorativa deve essere la prima dell’elenco.
  7. Da non dimenticare le competenze linguistiche con il livello da voi raggiunto secondo la scala europea. (A1, A2, B1, B2, C1, C2)
  8. Se siete alle prime esperienze lavorative, inserite prima la vostra formazione e successivamente tirocini che avete svolto, progetti universitari ed eventuali esperienze all’estero.
  9. Rileggere il curriculum. E’ fondamentale per rimuovere eventuali errori di ortografia, punteggiatura ed impaginazione. E’ buona norma farlo leggere anche ad altre persone in modo da rendere il vostro punto di vista più oggettivo.
  10. In bocca al lupo! Un pizzico di fortuna non guasta mai!

Rispondi